La rilevanza costituzionale di governare nelle leggi

Dettagli

di Mario Medde

Le scelte di fronteggiare l’emergenza sanitaria del Paese, da parte del Presidente del Consiglio e del Governo, trattando questioni rilevanti e di natura costituzionale, attraverso lo strumento del DPCM ( Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri), e ancora prima con un Decreto Legge, ha sortito dure prese di posizione, e non solo dal punto di vista della legittimità.

Leggi tutto...

Lo Statuto sardo ha 70 anni

Dettagli

di Mario Medde

Il 31 gennaio del 1948, nell’ultima seduta dell’Assemblea Costituente, viene approvato lo Statuto di Autonomia Speciale della Regione Sardegna. La legge costituzionale relativa, con la data del 26 febbraio 1948 e il numero 3, viene pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 58 del 9 maggio dello stesso anno. L’8 maggio del 1949 si vota per la elezione della prima Assemblea legislativa della Sardegna denominata, nello Statuto, Consiglio Regionale; a differenza della Sicilia, dove l’Assemblea ha dignità di Parlamento.

Leggi tutto...

La Regione Sardegna paga in ritardo

Dettagli

di Mario Medde

È necessario rispettare le scadenze e adottare soluzioni tempestive per i problemi della formazione professionale

La gestione del bilancio e della spesa è un aspetto fondamentale delle politiche di sviluppo e per il lavoro. Nel dibattito si dà grande rilevanza alla nuova impostazione del bilancio, in particolare alle entrate e ai nuovi finanziamenti. Un fatto comprensibile, perché la quantità e la disponibilità delle risorse finanziarie sono elementi essenziali per garantire una efficace e argomentata copertura delle spese correnti, degli investimenti, dei servizi primari e indispensabili, nonché delle politiche del lavoro e dell'inclusione.

Leggi tutto...

Appello alla Regione e alla politica

Dettagli

di M. Medde, P. Borrotzu, V. Lobrano dell'Associazione Carta di Zuri

Per le Riforme Istituzionali e il nuovo Statuto speciale della Sardegna

1.
Soltanto l'auto-governo può essere buon-governo. Soprattutto in una fase tra le più difficili della storia dell'Isola, e che necessita di risposte tempestive e adeguate ai suoi bisogni e specificità, sia sul versante dello sviluppo che del lavoro.
Tutta la storia della Sardegna, secolare e recente, conferma il principio democratico, secondo il quale soltanto la partecipazione – ordinata razionalmente e determinante – dei Cittadini, alle decisioni che li concernono come Popolo, è garanzia del perseguimento del loro interesse socio-economico, in termini sia assoluti sia di equità.

2.
I Cittadini sardi hanno il diritto e il dovere di partecipare, attraverso il proprio sistema delle Autonomie locali, al governo – necessario – della propria Isola e, come Popolo unito, al governo di ordinamenti più ampi.
Corrispondentemente, il Popolo dei Cittadini sardi ha il diritto e il dovere irrinunciabili di denunciare/ricusare sia i governi sardi sia i governi italiani ed europei, nei quali la propria partecipazione determinante è esclusa.

3.
L'ordinamento odierno della Repubblica italiana (così come quelli passati degli Aragonesi e dei Savoia) continua ad escludere i Cittadini sardi dal governo della propria Regione e il Popolo sardo dal governo dello Stato. I risultati economici di tali governi sono disastrosi.
È per tale constatazione che, da almeno una intera generazione, i Cittadini sardi hanno maturato la convinzione della necessità e della urgenza di una propria e nuova Carta costituzionale, la quale può essere intesa – alle giuste condizioni – come Statuto della Autonomia Speciale, da riformare istituendo la costituente del popolo sardo.

4.
Ciononostante, il governo regionale sardo, con la legge statutaria approvata nel corso della XIII legislatura (7 marzo 2007), ha tentato di imporre una forma di governo ancora più centralista di quella già in vigore, concentrando ogni e tutto il potere nella presidenza regionale ad esclusione totale dei Cittadini, e tale legge statutaria (nonostante la bocciatura referendaria) è restata la unica base di tutta la riflessione riformatrice istituzionale ancora delle legislature XIV e XV (questa ultima da poco iniziata).
Corrispondentemente, il governo statale (12-31 marzo 2014) sta procedendo, a passo di corsa, ad una riforma costituzionale ancora più centralista di quella già in vigore:
– con la abrogazione delle competenze cosiddette "concorrenti" sono ridotte drasticamente le competenze sulle quali si può esercitare il governo regionale;
– con il sedicente "Senato delle Autonomie" (pasticcio logico-costituzionale) è cancellata perfino la prospettiva di uno strumento di partecipazione del Popolo sardo alle decisioni dell'ordinamento statale italiano, nel quale esso è inserito.

5.
Il Popolo dei Cittadini sardi deve mandare un segnale forte ai governanti, sia a Cagliari sia a Roma, ri-affermando la propria volontà, decisa e incrollabile, di essere padrone di se medesimo. A tal fine è indispensabile un'adeguata iniziativa istituzionale, politica e sociale, ma in primo luogo da parte dell'Esecutivo e del Consiglio regionale.

 

Al nuovo Consiglio regionale proponiamo l'attuazione della Costituente del popolo sardo

Dettagli

di Mario Medde e Pietro Borrotzu dell'Associazione Carta di Zuri

Un'Assemblea costituente del popolo sardo da eleggere ora. È una sorta di proposta ri-costituente per il centrosinistra sardo che pure ha vinto le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale. Lo ha sostenuto qualche giorno fa Pietrino Soddu parlando, e con argomenti di forte spessore, di autonomia, federalismo e giustizia, e di rinegoziazione dei rapporti e poteri con Roma e Bruxelles.

Per chi come noi da tanti anni sostiene la necessità della Costituente è un viatico di enorme rilevanza. Un incoraggiamento a riprendere in mano l'iniziativa del Comitato per la Costituente del popolo sardo per affermare i diritti dei Sardi a Roma e a Bruxelles, e contestualmente per ridisegnare in senso federalista anche la nostra Isola.

Leggi tutto...